La bicicletta a pedalata assistita è una bicicletta muscolare alla quale viene aggiunta la forza di un motore alla pedalata umana.
I motori sono elettrici pertanto non creano rumore e non inquinano.

La bicicletta a pedalata assistita è composta da:

  • batteria
  • carica batteria
  • motore
  • centralina
  • sensore di pedalata
  • monitor di assistenza

Come funziona?

Tramite il sensore di pedalata viene comunicato alla centralina il movimento dell’utente di conseguenza il motore si attiva.

Ci sono due tipi di sensori:

  • sensori che rilevano la semplice rotazione dei pedali: funzionano tramite magneti che fanno avviare un sensore sul telaio. Costano meno, ma partono con un leggero ritardo.
  • sensori che rilevano la potenza della spinta sui pedali: stimano la potenza della spinta sul pedale. Sono meno economici, ma reagiscono più in fretta.

Nelle biciclette a pedalata assistita c’è quasi sempre un sensore di sforzo, detto anche di pressione, il quale permette l’attivazione del motore alla minima pressione effettuata sul pedale. Nel momento in cui non c’è pressione sul pedale, l’assistenza elettrica si interrompe.
Con questo metodo è possibile modulare in maniera ottimale la spinta elettrica e la pedalata risulta molto più naturale, quasi come una bicicletta muscolare.
In maniera costante si contribuisce quindi al movimento del mezzo, l’intensità del movimento umano viene regolata in base alle impostazioni di assistenza che si scelgono.

La bicicletta a pedalata assistita permette di mantenere attivi cuore, circolazione e muscoli in maniera costante, ma senza un grande affaticamento, se non in caso di percorsi lunghi.

In molti veicoli, anziché il sensore di sforzo, è presente un sensore di rotazione che viene spesso scelto per una questione economica e di comodità.
Con questa opzione, il motore si attiva con la semplice rotazione dei pedali, quindi non appena parte la prima pedalata, il motore si avvia.
Se si interrompe la rotazione, viene automaticamente disattivata la pedalata assistita.

Nei modelli Etalybike è presente la possibilità di regolare l’assistenza tramite un acceleratore manuale, anche in questo caso l’assistenza comincia con la pedalata ed è possibile regolarne la potenza in seguito.
La velocità del veicolo, in questo caso, varia in base al tipo di assistenza selezionato.

Quanta autonomia ho con una carica?

Una carica della batteria Etalybike ti permette di fare circa 100 km, ma può dipendere da molti fattori come:

  • il percorso
  • il tipo di asfalto
  • il peso del ciclista
  • la postura
  • lo stato della batteria
  • la pressione delle gomme

Consigliamo sempre una batteria con una capacità superiore rispetto a quelle standard al fine di garantire una durata nel tempo.

Perché acquistare una bicicletta a pedalata assistita?

Le motivazioni sono infinite! Eccone alcune:

  • il costo medio per fare 500km è di 2€
  • rimani sempre allenato
  • non paghi bollo o assicurazione
  • hai l’accesso libero nelle zone a traffico limitato
  • non inquini l’ambiente
  • puoi fare tutti i percorsi che vuoi, di qualsiasi difficoltà!